Speciale Mondiali

La Storia della Coppa del Mondo: tra curiosità e vittorie

Dalla Jules Rimet alla Coppa del Mondo dello scultore Gazzaniga

Chi alzerà il 18 Dicembre 2022 la Coppa del Mondo? I pronostici fatti qualche mese prima dell’inizio dei Mondiali iniziano, in parte a cozzare, con le prestazioni in campo di alcune tra le squadre favorite alla vigilia. Per ora l’ambito trofeo resta al suo posto a fare bella mostra di se, prima di entrare in campo la sera della finale. L’attuale Coppa del Mondo è frutto del genio dello scultore milanese Silvio Gazzaniga. La sua creazione risultò prima nel concorso indetto.

Cosa raffigura la Coppa Del Mondo

Il Trofeo rappresenta due atleti stilizzati, che nell’atto di esultare sorreggono l’intero mondo. Fatta di oro massiccio di 18 carati, il trofeo alto 36,8 cm  pesa  6,175 kg.  La Coppa ha due bande di malachite alla base e sotto il basamento sono incisi i nomi delle nazionali che hanno vinto il Mondiale dal 1974. Alla fine dei Mondiali alla Nazionale vincitrice viene data una copia identica di ottone placcato d’oro.

Nel 2038 una Nuova Coppa?

Quando lo scultore disegnò la Coppa lasciò sotto al basamento del trofeo uno spazio per consentire le incisioni delle squadre vincitrici alla fine di ogni edizione dei Campionati Del Mondo. Lo spazio è tale per cui sotto la coppa possono andare solo 17  incisioni ciò significa che dopo il 2038 si dovrà pensare ad una nuova Coppa.

Le Nazionali che hanno vinto i Mondiali fino ai Mondiali di Russia 2018

Brasile (5): 1958, 1962, 1970, 1994, 2002.
Italia (4): 1934, 1938, 1982, 2006.
Germania (4): 1954, 1974, 1990, 2014.
Argentina (2): 1978, 1986.
Uruguay (2): 1930, 1950.
Francia (2): 1998, 2018.
Inghilterra (1): 1966.
Spagna (1): 2010.

 

 

Articoli Correlati

Potrebbe interessarti
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio