In EvidenzaMotori

L’Alfa Romeo presenta la C43 la monoposto di F1

In pista per l’Alfa ci saranno Valtteri Bottas e Guany Zhou

L’Alfa Romeo scopre la monoposto che gareggerà nei prossimi Gran Premi di Formula 1. Nome in codice C43 per l’auto presentata ieri al pubblico.  Anche l’Alfa dopo Haas, Red Bull e Williams scioglie il mistero sull’auto che il 5 marzo sarà in pista per la prima competizione della stagione. Chiusa l’era di Vasseur, oggi in Ferrari, l’Alfa è pronta per nuovi traguardi

La C43 al via con Valtteri Bottas e Guany Zhou

Saranno i due piloti Valtteri Bottas e Guany Zhou a guidare la monoposto per la stagione 2023.

Finora nei test è andato tutto bene, abbiamo migliorato –  dice Guany Zhou tutti i punti deboli e speriamo di poter lottare ancora a centro gruppo”.
 “Adoro i colori, la livrea. E in un certo senso è anche più cattiva. L’ho provata – racconta Valtteri Bottas al simulatore, sembra anche veloce e siamo migliorati lì dove era necessario”.

L’Alfa Romeo e la F1

”Nel 1950 – raccontano le cronache sportive – Nino Farina vinse l’edizione inaugurale del Campionato mondiale di Formula 1 su un’Alfa Romeo 158 sovralimentata. Anche l’edizione successiva del Campionato fu conquistato dalla casa milanese, con Juan Manuel Fangio su una 159. Il primo anno l’Alfa Romeo vinse 6 Gran Premi su 7 imponendo un dominio totale della scuderia, che piazzò in classifica ai primi tre posti i suoi piloti di punta: oltre al vincitore Nino Farina si distinsero Juan Manuel Fangio, che vinse molte corse, e Luigi Fagioli. Nel 1952 l’IRI, l’ente pubblico che era proprietario dell’Alfa Romeo, decise di ritirare la scuderia dalla Formula 1 a causa della crescente concorrenza delle altre squadre, in particolar modo della Ferrari. La casa automobilistica tornò in Formula 1 nella prima parte degli anni sessanta, fornendo ad alcune scuderie minori il motore”. Dal 2018 vi è un partenariato con Sauber

 

 

 

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio