In EvidenzaSpeciale Mondiali

Il pallone toccato con la mano da Diego venduto all’asta


Pochi giorni fa è spuntata l’ennesima foto. E’ scattata dall’alto, da un tifoso che riesce a cogliere il momento plastico in cui sia Maradona che Shilton vanno per colpire il pallone nella sfida tra Inghilterra e Argentina. Sono tutti e due protesi con le mani e alla fine sarà proprio Diego, facendosi beffe di tutti, a colpire la sfera con la mano e segnare il gol decisivo.

Diego Maradona continua a essere, oltre che una divinità del calcio, anche una sorta di Re Mida, visto quanto vengono valutati alcuni degli oggetti che hanno contraddistinto la sua carriera calcistica. Se poi i cimeli riguardano la famosa partita tra Argentina e Inghilterra dei Mondiali di Messico 1986, quella dei gol con la ‘mano de Dios’ e il più bello della storia del calcio, allora le cifre schizzano alle stelle. Così dopo la maglia indossata dal ‘Pibe de Oro’ nei 45′ in cui segnò di mano con l’aiuto, a suo dire, del Cielo, venduta nel maggio scorso a quasi 9 milioni di euro nell’asta di di Sotheby’s, oggi è toccato al pallone di quella partita, ‘battuto’ anche in questo caso a Londra, ma da ‘Graham Budd Auctions’. Era in possesso dell’arbitro di quel match, il tunisino Ali Bin Nasser, che non si accorse che Maradona aveva segnato con la mano:

“perché mi fidai del mio guardalinee – ha spiegato – che corse senza esitazioni verso il centro del campo”.

In quel caso Bin Nasser dovette subire varie critiche, di cui probabilmente si è rifatto oggi visto che il pallone ‘Adidas Azteca’ di cui era in possesso, quello appunto di Argentina-Inghilterra, è andato ad un anonimo compratore per 2 milioni di sterline, circa due milioni e 280mila euro. E sicuramente l’arbitro tunisino avrà rivolto un pensiero a Maradona.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio