Basket

L’Italia vince la finale del Red Bull Half Court

È l’Italia la squadra campione del world final 3vs3  targato Red Bull half court

Il mondiale andato in scena in Egitto ha visto gli italiani portare a casa il risultato nella finalissima dello scorso fine settimana. Per quattro giorni i duecento atleti in rappresentanza dei 24 paesi aderenti al torneo si sono sfidati fino all’agognata finale. La finale maschile si è giocata tra  Italia e Giappone. Inizialmente gli italiani hanno sentito il peso dei giapponesi ma poi con calma e fisicità sono riusciti a mettere ko il Giappone e a vincere per 11-10.
“La nostra strategia è stata quella di cambiare su ogni pick, giocare intensamente in difesa e fidarci l’uno dell’altro in attacco”, ha dichiarato il capitano della squadra italiana “Fioi del campetto” Leonardo William Clark. “Non abbiamo mai smesso di crederci e abbiamo vinto tutto”.

La finale femminile, invece, ha visto l’una contro l’altra le squadre di  Giappone e Australia per 10-8. In questa gara le giapponesi hanno avuto la meglio sulle australiane. A consegnare i titoli della vittoria è stato il leggendario  Duśan Bulut vera star 3vs3. All’ombra delle piramidi  di Giza sono state decretate per questa edizione le migliori squadre, maschile e femminile, al mondo di street basket 3vs3. Lo scorso anno, invece, fu Roma ad ospitare il torneo internazionale di questa disciplina molto amata e praticata in tutto il mondo. A vincere in quell’edizione fu la Serbia che superò la Russia. Nel torneo, per chi non lo sapesse, si avanza  vincendo i match. Anche se vige  una regola particolare con cui è possibile ribaltare il risultato: il bonus “Own the Court”, che assegna un vantaggio al team di ogni gruppo che ha segnato più punti.  Della bellezza di questa disciplina ne ha parlato, nella serata della finale, il campione Dusan Bulut che si è lasciato trasportare dai ricordi e dall’emozione  ”Ricordo – ha detto il cestista serbo- con affetto quanto sia stata speciale per me la finale mondiale dello scorso anno a Roma. Avere la possibilità di assistere all’azione e vedere tutti questi grandi concorrenti provenienti da tutto il mondo rende questo torneo uno dei migliori al mondo”. Nella notte delle finalissime si sono visti  l’allenatore di tiro dell’NBA Chris “Lethal Shooter” Matthews. La star del rap egiziano Afroto,  i giocatori dell’Al Ahly Ehab Amin e Nadine Salaawi. Per l’Italia oltre la vittoria della squadra maschile motivo di soddisfazione è stato anche che la  superficie da gioco è stata realizzata con la tecnologia del colore Mapei – Fornitore Ufficiale della Red Bull Half Court World Final 2022 – e disegnata dall’artista egiziano Ahmed Nofal (alias Nofal).

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio