Nairo Quintana ”disputerò Giro e Vuelta”

nairo quintana

Nairo Quintana ”disputerò Giro e Vuelta”

Giro d’Italia 2023 e Vuelta 2023 per Nairo Quintana ancora Top secret la squadra

Ufficialmente senza squadra, anche se pare che il colombiano abbia firmato per un team di cui però non si conosce l’identità, Nairo Quintana parla di futuro è da per certe le sue partecipazioni al Giro d’Italia 2023 e alla Vuelta del prossimo anno. Come il portoghese attaccante della nazionale, Cristiano Ronaldo, per ora anche Quintana su cui è piombata la squalifica dal Tour 2022 per doping resta un campione senza casa. Dopo il divorzio dal Team Arkéa-Samsic per la vicenda Tramadolo.

Nairo Quintana sul divorzio dal Team Arkéa-Samsic

“Eravamo legati da un triennale che scadeva quest’anno e pensavamo di proseguire insieme: alla fine abbiamo deciso di separarci, ma ci siamo lasciati bene. Ognuno farà la sua strada  e sarà bello sfidarsi nelle corse più importanti”.

Giro e Vuelta: due vittorie lontane nel tempo

Il trentatreenne colombiano che annuncia la partecipazione alle due grandi competizioni ciclistiche in carriera ha già vinto un Giro d’Italia, nel 2014, e una Vuelta a España, nel 2016, e si è classificato per due volte secondo e una volta terzo al Tour de France.  Il suo amore per la bici nasce per caso e per necessità. Da bambino,  al colombiano nato in una famiglia molto povera, fu data una vecchia bici per andare a scuola. E’ così che comincia la sua vita in sella. Così racconta Tuttobici, sito di riferimento del mondo del ciclismo.

”In sella a quella vecchia bici, ogni mattina Nairo doveva andare a scuola: 16 chilometri che, se al mattino erano in discesa, al po­meriggio erano da percorrere in salita, una scalata che le macchine facevano fa­tica ad affrontare in terza, in al­cuni tratti ob­bligate a schiacciare la frizione e a scalare alla seconda. Lui doveva affrontarla con quella sua vecchia mountain bike e con lo zaino in spalla. Un pomeriggio in­contrò strada facendo un gruppo di professionisti che si stavano allenando, si unì a loro per risalire verso casa. So­lo un paio di quella dozzina di ragazzi riuscirono a tenere il suo pass0”